Evoluzione delle memorie e processi identitari tra politiche pubbliche,  percorsi privati  e intervento sul territorio nel goriziano

25 novembre 2009
Sala del consiglio provinciale
Gorizia, Corso Italia 55
ore 17.30


Il 15 settembre del 1947, dopo la caduta del fascismo e dopo quattro anni in cui si sono susseguite tre diverse amministrazioni (tedesca, jugoslava e anglo-americana), viene definito il confine che divide l’Italia e la Jugoslavia. La creazione di una nuova frontiera è sempre un evento traumatico. Il periodo in cui viene deciso il tracciato della linea che dividerà due Stati e due popoli, che stabilirà “chi è di qua e chi è di là”, è un periodo di lotte e di scontri. Ma è anche il momento di una scelta. È  il momento in cui gli individui devono confrontarsi con loro stessi, con la loro identità e con quella degli “altri”. Come ha vissuto la nascita del confine la popolazione del goriziano? Come si è formata e come è stata rielaborata e trasmessa la memoria di quel periodo? Che relazioni si sono create tra ricordi individuali e memoria
pubblica? Lo scopo del convegno è quello di presentare ricerche e progetti che pongono al centro del loro interesse queste tematiche, partendo dall’analisi delle interviste ai testimoni. L’incontro sarà anche un’occasione per lanciare una “campagna” per la raccolta dei racconti di vita che andranno a creare un vero e proprio archivio della memoria del goriziano.

PROGRAMMA

Saluto delle autorità

Interventi:

Il confine degli altri: comunità immaginate e invenzione
della tradizione nella Venezia Giulia.

Marta Verginella (Università di Lubiana)

Memorie di confine e identità plurime.
Il confine italo-jugoslavo nei racconti di vita dei testimoni.
Alessandro Cattunar (Istituto Italiano di Scienze Umane,
Associazione Quarantasettezeroquattro)

Memoria divisa e funzione civile del ricordo.
Anna Di Gianantonio, Tommaso Montanari (IRSML)

Presentazione dei progetti:

– “Topografia della memoria – museo diffuso della città”.
– “Archivio della memoria del goriziano”.

Alessandro Cattunar (Istituto Italiano di Scienze Umane,
Associazione Quarantasettezeroquattro)

“Dalla ‘città di villaggi’ alla ‘città di città’. Memoria, identità
e futuro di un territorio urbano ricomposto”
. Università di
Trieste, Facoltà di Architettura in coll. con  Isonzo-Soca
Alessandra Marin (Università di Trieste)

Discussione e dibattito