Vincitori o vinti? Un esperimento di storia controfattuale sulla fine della Grande guerra

, ,
Big_four

Le tematiche affrontate
Il progetto propone una riflessione di ampio respiro e di medio periodo sulle conseguenze geopolitiche, sociali e simboliche della fine del primo conflitto mondiale.
Le questioni poste al centro dell’attenzione e sviluppate attraverso incontri, conferenze e attività laboratoriali saranno:
− le conseguenze geopolitiche: la fine della Prima guerra mondiale e la sconfitta dell’Austria-Ungheria comporta l’improvvisa dissoluzione di un entità statale multinazionale a cui segue la nascita di nuovi stati nazionali; l’inserimento di vaste aree multietniche (come il caso della Venezia Giulia e del Litorale) all’interno di uno stato nazionale (Italia) e anche la nascita di nuovi contesti multinazionali (Regno dei Serbi Croati e Sloveni). Si proporrà quindi una riflessione ampia e di lungo periodo sulle dinamiche stato-nazione / validità del principio di autodeterminazione dei popoli / dinamiche di costruzione e processi di cambiamento dell’identità nazionale / possibilità di identità plurime, a livello individuale e collettivo;
− la transizione dalla guerra alla pace: il periodo di transizione prevede processi di ricostruzione a livello fisico (case, edifici, infrastrutture, fabbriche, posti di lavoro), sociale e psicologico. Ci soffermeremo in particolare sugli ultimi due aspetti: difficoltà della riconversione degli uomini da soldati a lavoratori, difficoltà del “ritorno” delle donne ai contesti e ai ruoli familiari dopo l’esperienza di emancipazione legata al lavoro in fabbrica; mancata elaborazione del trauma da parte dei soldati e impossibilità di far comprendere le esperienze vissute; risentimento dei feriti e mutilati; senso di frustrazione per la delusione delle aspettative dell’anteguerra. Si affronterà poi la questione dei ricongiungimenti familiari, delle famiglie obbligate a lasciare la propria terra in quanto “non desiderate”, le difficoltà legate al ritorno a casa di quelle persone e famiglie che erano andate profughe negli anni precedenti;
− le dinamiche di elaborazione della memoria pubblica, collettiva e individuale in Italia, Slovenia e Austria;
− “identità e confini”: quali sono le conseguenze degli spostamenti di confine sulle dinamiche sociali, sulla costruzione e riformulazione delle identità?
− “vincitori e dei vinti”: narrazioni pubbliche e percezioni individuali. Come viene vissuta la fine del conflitto dalle diverse comunità?

Attività laboratoriali
Attività di tipo laboratoriale e di gruppo permetteranno agli studenti di approcciare in modo autonomo e critico fonti documentarie, fotografiche e giornalistiche, diari e lettere.
I partecipanti avranno la possibilità di visitare e lavorare sugli archivi locali e avranno la possibilità di svolgere attività di ricerca e analisi in prima persona.

La seconda fase del progetto prevede la visita ai musei della Grande guerra di Gorizia e Caporetto. Visita ai Sacrari di Redipuglia e Caporetto, al cimitero Austro-Ungarico di Redipuglia e ai numerosi resti relativi alla prima guerra mondiale presenti nell’area del San Michele e del Brestovec.
Nel corso delle visite gli studenti dovranno svolgere un lavoro di documentazione video-fotografico.

Un esperimento di storia controfattuale
Il vero cuore del progetto è rappresentato dal laboratorio per la realizzazione di un documentario controfattuale in cui si raccontano le ipotetiche conseguenze geopolitiche e sociali della vittoria dell’Austria-Ungheria nella Prima guerra mondiale.

Ipotizzare quali sarebbero state le conseguenze della vittorio dell’Austria-Ungheria consentirà agli studenti di sviluppare un percorso di riflessione critica e autonoma su un’ampia varietà di aspetti che bisogna tenere in considerazione per comprendere la fine di un conflitto. Attraverso l’esercizio del “what if” i partecipanti dovranno dare riposte credibili a degli scenari ipotetici, adducendo motivazioni valide e dimostrando di aver compreso i principali nessi causa-effetto.
Il lavoro di realizzazione del documentario controfattuale spingerà i ragazzi a svolgere un’attenta analisi delle fonti, soprattutto quelle audiovisive, fotografiche e grafiche per comprendere realmente che cosa sono in grado di raccontare, anche in un’ottica manipolatoria. Infine i ragazzi dovranno costruire, attraverso la selezione, manipolazione e il montaggio dei documenti audiovisivi e dei materiali a disposizione, una narrazione audiovisiva che avvalori la tesi della vittoria austro-ungarica.

In occasione dell’incontro conclusivo verrà proiettato il documentario e verrà proposto un dibattito relativamente alle modalità di comunicazione della storia, alla manipolazione delle fonti con collegamento all’attualità e al tema della costruzione delle fake news.


Progetto promosso da
ISIS Sacile-Brugnera

a cura di
Associazione Quarantasettezeroquattro (Gorizia)

con il contributo di
Regione Autonoma Friuli – Venezia Giulia / Progetti educativi – Centenario della Prima guerra mondiale

partner di progetto
− Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione (Udine)
− Comune di Sacile
− Comune di Porcia
− Archivio di Stato di Pordenone
− Biblioteca e Archivio comunale di Sacile
− Istituto Comprensivo Jacopo di Porcia, Porcia
− Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini Fontanafredda
− ISIS Pujati, Pordenone
− Associazione Pro Sacile