Il progetto Audio Video Memory Experience prevede di istituire itinerari turistici immersivi e multisensoriali attraverso alcuni dei piccoli centri più suggestivi e evocativi sul piano del patrimonio storico regionale.

Audio Video Memory Experience è una APP multimediale per tablet che propone una narrazione audiovisiva itinerante sincronizzata con gli spostamenti del visitatore. Ogni visitatore, dotato di tablet e cuffie forniti dal gestore del progetto, viene accompagnato in una passeggiata lungo i territori in oggetto seguendo le immagini che compaiono sul tablet e ascoltando le voci narranti in cuffia: un’esperienza immersiva ed emotivamente coinvolgente. Ciascun visitatore cammina tra i territori e i luoghi della sua visita guidato dalle indicazioni che gli vengono fornite in cuffia, percorre un cammino in cui ciò che vede nella realtà si intreccia alla narrazione audio e alle immagini storiche che scorrono sul tablet. Storia recente e storie del passato narrate attraverso il tablet si intrecciano con l’esperienza vissuta in tempo reale nel corso della passeggiata. Il visitatore viene così condotto in una sorta di video-teatro itinerante: una drammaturgia composita che lo guida dentro un’esperienza informativa ma anche emotivamente coinvolgente.

 

Audio Video Memory Experience
è un format “site-specific” di/ acquasumARTE Visual & Performing Art – Milano
Concept e realizzazione/ Maurizio Capisanie Sabrina Conte

A.V.M.E. è un format già realizzato in diversi contesti, ma il progetto è riscritto ogni volta a partire dal territorio e dalla comunità che lo vive. E’, di fatto, ogni volta, un lavoro completamente nuovo, creato ad hoc per il territorio. Per la realizzazione del lavoro è, infatti, indispensabile un periodo di residenza e lavoro sul posto.

 

Un progetto site-specific: esce dai luoghi chiusi deputati agli eventi culturali, per svilupparsi per le strade di una città, in una piazza o in un cortile, dentro un palazzo storico o un edificio dismesso, dovunque si decide di sviluppare la narrazione, e si costruisce attraverso la relazione con l’ambiente e le persone.

 

Coinvolgimento della comunità e ambiente: propone un processo di creazione che coinvolge direttamente la comunità, invitando i suoi membri ad assumere un ruolo attivo, trasformandoli in co-autori del lavoro, non solo fruitori finali. Il percorso porta a scoprire o riscoprire i luoghi, ad entrare in relazione con l’ambiente, a riflettere sul rapporto tra comunità e territorio.

 

 

Contaminazione dei linguaggi: è insieme arte partecipativa, performance urbana, video-arte. Ha inoltre una forte valenza narrativa e poetica.

Un uso “umano” e poetico della tecnologia
Durante il cammino, il continuo confronto tra realtà e immagini pre-registrate spinge a vivere un’esperienza di costante interazione con l’ambiente circostante. Inoltre l’azione fisica del camminare, che lo spettatore compie, percorrendo realmente i luoghi, così come la natura individuale dell’esperienza, concorrono a renderla intima, personale, emotivamente intensa.

Un pubblico eterogeneo: l’uso di cuffie audio e tablet, il carattere itinerante dell’esperienza, il modo in cui si sviluppa, creano interesse e curiosità coinvolgendo anche un pubblico normalmente non abituato alla fruizione dell’arte

Per In\Visible cities gli acquasumARTE hanno realizzato:

Leonardo video memory experience (2019)

Gorizia video memory experience (2020)

Gradisca video memory experience (2020)