PODOBUS. LE MEMORIE NASCOSTE TRA I LUOGHI – NOTTE DEI RICERCATORI

,

All’interno delle attività della “Notte dei Ricercatori 2010” che si è svolta a Trieste il 24 settembre l’Associazione Quarantasettezeroquattro organizza  Itinerari nella Trieste nascosta: Podobus, le memorie nascoste tra i luoghi

Il podobus si propone come un laboratorio mobile di educazione alla storia del Novecento attraverso un percorso tra i luoghi della memoria e la memoria dei luoghi. Camminando per la città di Trieste si visitano spazi pubblici, simboli della memoria istituzionalizzata, e spazi legati alle esperienze e ai ricordi diretti della popolazione: luoghi conosciuti o famosi e luoghi nascosti, defilati, che hanno però segnato la complessa storia di questa città. L’itinerario, che ripercorre la storia dei luoghi e il vissuto delle persone che li hanno frequentati o visti trasformarsi nel corso del tempo, sarà caratterizzato dal dialogo tra il pubblico e alcuni storici e architetti che commenteranno le varie tappe attraverso due lenti diverse, facendo emerge le molteplici modalità con cui la memoria si incarna nel tessuto urbano della città. Un’occasione unica per far emergere curiosità, interessi, dubbi e passioni che permetteranno di comprendere meglio il passato, attraverso l’esperienza del viaggio e del dialogo.

A cura di: Associazione culturale Quarantasettezeroquattro, con il supporto del Dipartimento di Progettazione Architettonica e Urbana dell’Università di Trieste, do.co.mo.mo Italia – Sezione FVG.

.

Programma Podobus

Programma completo Notte dei Ricercatori – Trieste

.

COMMEMORAZIONI AL PASSO LOIBL (Slovenia-Austria)

Sabato 12 giugno l’Associazione ha organizzato per i suoi soci e per un gruppo di giovani provenienti da Gorizia e da Trieste un viaggio per assistere e partecipare alle manifestazioni organizzate in memoria delle vittime dei sottocampi di Mauthausen, ai due lati della galleria Loibl-Ljubelj, sul confine tra Slovenia e Carinzia, dove i nazisti avevano trasferito da Mauthausen deportati di vari paesi europei, anche italiani per realizzare un tunnel di collegamento tra l’Austria e la Slovenia.

Al viaggio hanno partecipato anche Riccardo Goruppi (ex deportato nei campi del sistema concentrazionario di Dachau ) e Ljubo Susic (anch’egli ex deportato nei campi nazisti), rappresentanti dell’ ANED e dell’ANPPIA di Trieste, che hanno portato la loro testimonianza e sono intervenuti nel corso delle commemorazione.

I partecipanti hanno avuto così l’occasione di confrontarsi con dei luoghi poco conosciuti (in Italia) della memoria della Seconda guerra mondiale e delle violenze naziste interagendo direttamente con i testimoni e con i loro racconti.

IL CONFINE DELLE MEMORIE – CONVEGNO

,

Evoluzione delle memorie e processi identitari tra politiche pubbliche,  percorsi privati  e intervento sul territorio nel goriziano

25 novembre 2009
Sala del consiglio provinciale
Gorizia, Corso Italia 55
ore 17.30


Il 15 settembre del 1947, dopo la caduta del fascismo e dopo quattro anni in cui si sono susseguite tre diverse amministrazioni (tedesca, jugoslava e anglo-americana), viene definito il confine che divide l’Italia e la Jugoslavia. La creazione di una nuova frontiera è sempre un evento traumatico. Il periodo in cui viene deciso il tracciato della linea che dividerà due Stati e due popoli, che stabilirà “chi è di qua e chi è di là”, è un periodo di lotte e di scontri. Ma è anche il momento di una scelta. È  il momento in cui gli individui devono confrontarsi con loro stessi, con la loro identità e con quella degli “altri”. Come ha vissuto la nascita del confine la popolazione del goriziano? Come si è formata e come è stata rielaborata e trasmessa la memoria di quel periodo? Che relazioni si sono create tra ricordi individuali e memoria
pubblica? Lo scopo del convegno è quello di presentare ricerche e progetti che pongono al centro del loro interesse queste tematiche, partendo dall’analisi delle interviste ai testimoni. L’incontro sarà anche un’occasione per lanciare una “campagna” per la raccolta dei racconti di vita che andranno a creare un vero e proprio archivio della memoria del goriziano.

PROGRAMMA

Saluto delle autorità

Interventi:

Il confine degli altri: comunità immaginate e invenzione
della tradizione nella Venezia Giulia.

Marta Verginella (Università di Lubiana)

Memorie di confine e identità plurime.
Il confine italo-jugoslavo nei racconti di vita dei testimoni.
Alessandro Cattunar (Istituto Italiano di Scienze Umane,
Associazione Quarantasettezeroquattro)

Memoria divisa e funzione civile del ricordo.
Anna Di Gianantonio, Tommaso Montanari (IRSML)

Presentazione dei progetti:

– “Topografia della memoria – museo diffuso della città”.
– “Archivio della memoria del goriziano”.

Alessandro Cattunar (Istituto Italiano di Scienze Umane,
Associazione Quarantasettezeroquattro)

“Dalla ‘città di villaggi’ alla ‘città di città’. Memoria, identità
e futuro di un territorio urbano ricomposto”
. Università di
Trieste, Facoltà di Architettura in coll. con  Isonzo-Soca
Alessandra Marin (Università di Trieste)

Discussione e dibattito

CONVEGNO IL CONFINE DELLE MEMORIE – TOPOGRAFIA DELLA MEMORIA

,

.

.

Museo “diffuso” per rileggere la storia del confine.

Il piccolo – 25.11.2010

Visualizza articolo

.

Progetto per un museo della memoria

Messaggero Veneto – 27.11.2009

Visualizza articolo .doc

Visualizza articolo (web)

.

.

VIZUALIZACIJE PRETEKLOSTI. PRIPOVEDOVANJE, ODKRIVANJE IN VIZUALIZACIJA SPOMINOV NA OBMEJNEM OBMOČJU.

,

Cilj workshopa je ponuditi italijanskim in slovenskim študentom možnost izobraževanja na področju raziskovanja ustne zgodovine, beleženja pridobljenih pripovedi in tehnik arhiviranja.

K sodelovanju so povabljeni tudi profesorji in strokovnjaki, ki se ukvarjajo z vprašanji povezanih z zgodovino, muzeologijo, arhivistiko v kontekstu raziskovanja obmejnega prostora. Vsebina srečanj se bo osredotočala na »vizualnizacijo« spomina – zapisi javnega spomina v urbanem prostoru (spomeniki, javna obeležja, stavbe), kolektivnem spominu (spominih) prebivalstva, ki to območje poseljujejo, ter sodobnim spominskim naracijam, ki jih oblikujejo mediji (časopisi, kino, televizija, internet …).

Prvi del delavnice, ki bo potekal od 28.- 30. oktobrom, se bo ukvarjal s tehnikami beleženja pripovedi, poudarek bo podan na metodologijo pripovedi življenjskih zgodb in odnosov, ki takšne raziskave spremljajo. Drugi del delavnice, ki bo potekal 9. in 10. novembra, bo namenjen vizualizaciji preteklosti v urbanem prostoru, vizualizaciji izgradenj preteklosti, uporabe fotografij in arhivskih posnetkov. Vsebina razprave bo v raziskovanje omenjenih tem vključevala uporabo novih medijev in načine postavitve multimedijskih oblik prepoznavanja preteklosti in njenih interpretacij. V uresničevanju zadnjega dela delavnice bodo v razpravo vključeni tudi oblikovalci, arhitekti in urbanisti.

Pridobljene življenjske pripovedi bodo, ob pomoči analiz fotografskega gradiva, uporabljene kot material pri raziskovanju metodoloških vprašanj o načinu dela z ustnimi viri in uporabe avdiovizualnih sredstev (novih medijev) v oblikovanju muzejskih postavitev.

V projektu sodelujejo Associazione Quarantasettezeroquattro (Društvo 4704), Visoka šola za dizajn v Ljubljani, DAMS Gorizia, Studio za multimedijske postavitve N!03 iz Milana, Filozofska fakulteta Univerze v Ljubljani, program Kulturna zgodovina Univerze v Novi Gorici.

PRIJAVA

Delavnice organizira Quarantasettezeroquattro ob podpori Fundacije Cassa di Risparmio di Gorizia. Število mest je omejeno na 30 prijavljenih udeležencev (15 italijanskih in 15 slovenskih poslušateljev).

Participacija na vse tri sklope delavnic je 50 eu. Udeleženci lahko prisostvujejo tudi eni sami delavnici, cena je 30 eu.

Po opravljenem workshopu bo organizator udeležencem izdal potrdilo o udeležbi.

Prijavnice je treba izponiti in oddati po  elektronski pošti  do 26. oktobra 2010 na naslov:

info@quarantasettezeroquattro.it

 

Informacije

Italija:      tel. Alessandro Cattunar – +39.338.14.11.435

I. DELAVNICA (28-30 oktober)

UČENJE SNEMALNIH TEHNIK – Uporaba ustnih virov

 

CILJI:

  • Spoznavanje ustnih virov in njihove uporabe pri raziskovanju obmenje preteklosti
  • Študija metodologij in avdio- video tehnik snemanja
  • Katalogiranje, digitalizacija in arhiviranje audiovizualnih virov
  • Refleksija in debata o načinu dela v arhivih, ki se ukvarjajo z ohranjanjem ustnih pričevanj
  • Predstavitev Arhiva spomina

Program delavnice so oblikovali Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro), Stefania Ficacci (AISO); Piero Cavallari (Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi) in dr Kaja Širok (Visoka šola za dizajn v Ljubljani)

 

PROGRAM

28 OKTOBER

15:00 – 18:00 (16:30 – 17:00 odmor)

“Poti spomina”. Arhiv, odprti muzej in življenjske pripovedi

Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro)

Predstavitev projekta “Strade della memoria/ Poti spomina”

 

Kdaj postane zgodba zgodovinski vir?

Prof. dr. Marta Verginella (Univerza v Ljubljani)

 

Obmejni spomini  – Raziskovanje obmejne preteklosti in življenjske pripovedi.

Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro), dr Kaja Širok (Visoka šola za dizajn)

Kakšen je prispevek, ki ga metodologija ustne zgodovine ponuja k raziskovanju polpretekle obmejne zgodovine? Kakšne so nove perspektive dojemanja interpretacij preteklosti v analiziranju pridobljenih življenjskih pričevanj? Kako vplivajo ustni viri na tradicionalne vire? S kakšnimi praktičnimi težavami se srečujejo zgodovinarji, ki se poslužujejo te tehnike?

Na takšna in podobna vprašanja bomo odgovarjali preko predstavitve raziskave o življenju v Gorici v letih 43 – 47.

Življenjske pripovedi in obmejno območje: problemi metodologije, tehnike ter filozofske zagate.

Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro), dr Kaja Širok (Visoka šola za dizajn), Anna di Gianantonio (Istiuto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione)

Iz predstavitve obmejnih projektov se bomo v tem delu osredotočili na tehnične in metodološke težave, ki spremljajo izvedbo intervjujev in prenosom podatkov v t.i. arhiv spomina. Ob razmišljanju na načine izvedbe slednjega se pojavijo vprašanja zgodovinske in filozofske narave.

29 OKTOBER

9:30 – 13:00 (11:30 – 12:00 odmor)

 

Ustni viri. Metodologije dela in vodenja intervjuja.

Piero Cavallari (Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi, Roma)

V  proučevanju  novejše zgodovine smatramo ustni vir  edinstven med zgodovinskimi viri, saj je del interakcije med raziskovalcem in pripovedovalcem, znotraj procesa pridobivanja  intervjuja.  Življenjska pripoved je pomemben vir, ki  je v teku časa in predvsem z tehnološkim razvojem pridobil »fizično podobo« dokumenta, sestavljenega iz zvoka in / ali avdiovizualnega gradiva.

Vsebina predavanja:
Ustni vir. Metodologija in pristop k delu.

Pravila shranjevanje in katalogiranja.
Subjektivnost. Pravice po intervjuju  in zaščita zasebnih podatkov; prepis intervjuja.
Posebne značilnosti vira in njegov odnosu do tehnoloških sprememb.

Uporaba snemalnih naprav, zvočne datoteke in / ali avdio-vizualnega gradiva.
Pravila mednarodnega katalogizacije.

Vprašanja glede pravic in zasebnosti.

Objava.

Indeksiranje

Piero Cavallari (Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi, Roma)

15:00 – 18:00 (16:30 – 17:00 odmor)

Digitalizacija

Francesco Baldi (Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi, Roma)

Sistemi arhiviranja in shranjevanja zvočnih in avdio-vizualnih datotek.

Digitalna podpora

Načini arhiviranja

Dolgoročna shranjevanja

Metodologije ohranjanja multimedijskih podatkov

Načrti in standardi

Sistemi raziskovanja

Digitalni formati in iskanje v medmrežju

Predstavitev primera arhiva Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi (bivša Discoteca di Stato)

 

30 OKTOBER

10:00 – 13:00 (11:30 – 12:00 odmor)

Zvok in slika

Luciano D’Aleo (Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi, Roma)

Uporaba nove tehologije.

Značilnosti in pravila dela.

Snemalne prakse

 

Ore 14:30 – 19.00

Posvet na temo