IL MESSAGGERO VENETO

 

04 aprile 2012 — pagina 21   sezione: Nazionale, Gorizia e Pordenone

Come la cultura di confine si racconta

UNIVERSITA’ LINGUE UDINE “Le vite degli altri – voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi” è una mostra multimediale allestita presso i Musei Provinciali Borgo Castello a Gorizia e visitabile fino al 15 aprile 2012. L’associazione culturale Quarantasettezeroquattro, e collaboratori, ha saputo confezionare un percorso interattivo in un totale di quattro stanze. In queste sono fissati i confini dello spazio fisico e sono contenute le testimonianze del territorio goriziano in una schiera di voci, suoni e immagini che via via si amplificano con il dilatarsi del tempo, inteso come periodo storico – in particolare la prima metà del Novecento – e come secondi, minuti e ore da dedicare alle poche, ma coinvolgenti, installazioni. Il bisogno del dialogo tra ieri ed oggi salta all’occhio con l’handicap culturale che affligge parte della popolazione locale. È necessario vederci chiaro, curare la nostra inconsapevolezza: ciò è possibile proiettando il fascio di luce di una torcia su uno schermo e cancellando i colori di una fotografia per fare emergere il bianco e nero di altri tempi, ma dello stesso luogo. Se meno intraprendenti, non mancano le sedie per godere dei fotogrammi di cineamatori che nelle pellicole hanno raccolto i frammenti del loro quotidiano, o le cuffie con cui ascoltare le confessioni dei contrabbandieri, replicando l’intimità del rito liturgico. Un muro di post-it dei visitatori attende, al ritorno, se qualche memoria è venuta a galla. Non va deluso. Elena Buzzinelli

.

IL PICCOLO

15 aprile 2012 — pagina 72

Le vite degli altri ultima visita guidata Oggi alle 16 presso i Musei provinciali di Borgo Castello si terrà l’ultima visita guidata alla mostra multimediale “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi delle memorie e memorie dei luoghi, a cura dell’associazione 4704. Il curatore Alessandro Cattunar accompagnerà i visitatori tra le installazioni audiovisive e interattive che compongono la rassegna. Sia la visita guidata che la mostra sono gratuite.

08 aprile 2012 — pagina 54

 Pasquetta nel segno dell’arte con i Musei provinciali

Sarà inoltre visitabile (fino al 15 aprile) la mostra “Le vite degli altri”, che sta richiamando un folto pubblico di visitatori per l’interesse del tema affrontato e le modalità innovative di allestimento. Nelle installazioni audiovisive e interattive che vanno a comporre il percorso espositivo, fonti normalmente utilizzate per la ricerca storica – come le testimonianze orali, i film di famiglia e le fotografie – vengono lette e interpretate attraverso gli occhi e i linguaggi dell’arte. L’intento è quello di creare un dialogo tra diverse generazioni riguardo alla complessa storia e alle molteplici memorie che hanno caratterizzato l’area di confine tra Italia e Slovenia nel corso del Novecento. La mostra intende riflettere sulla pluralità di modi con cui la memoria si rende visibile e ascoltabile da parte di coloro che vivono quotidianamente gli spazi urbani. Le voci dei testimoni e gli sguardi che le cineprese amatoriali e le macchine fotografiche hanno posto sui luoghi della città vanno infatti ad intrecciarsi in un complesso tessuto di relazioni in cui a risultare fondamentali sono le differenti esperienze, percezioni, desideri dei singoli abitanti e dei molteplici gruppi che popolano quest’area di frontiera.

31 marzo 2012 — pagina 40

L’altro sguardo con Kinoatelje. Oggi alle 17 ai Musei provinciali di Borgo Castello. Kinoatelje organizza l’evento “L’altro sguardo” nell’ambito della mostra “Le vite degli altri”. In programma la proiezione di due film e un incontro sul cinema del passato e del futuro

31 marzo 2012 —  pagina 40

A Gorizia il Pianista Fuoriposto

È previsto per quest’oggi il raid goriziano del Pianista Fuoriposto, che suonerà alle 10 sul piazzale della Transalpina, a cavallo della linea confinaria, alle 15 sul piazzale Seghizzi di Borgo Castello e dalle 17 ai Giardini pubblici di corso Verdi. Il Pianista Fuoriposto, al secolo Paolo Zanarella, abita nei pressi di Padova, e si diverte a suonare ininterrottamente un piano a coda trasportato su un furgone e scaricato nei posti più impensati: possono essere un barcone sul Canal Grande a Venezia o sui residui di una frana sulle Dolomiti, sul ponte di Bassano o sul Prato della Valle di Padova, sulla piazza del Duomo di Orvieto come sulla spiaggia gelata di una Jesolo invernale. La sua presenza a Gorizia è promossa dalla neonata associazione “Porte Aperte per un Pianista Fuoriposto”. I luoghi d’esibizione non sono scelti a caso. La Transalpina rappresenta un discrimine ma anche un incontro di civiltà. Al piazzale del castello si vuole rendere omaggio alla grande mostra multimediale “Le vite degli altri”. Ai Giardini di corso Verdi l’incontro col passeggio del sabato sera.

30 marzo 2012 — pagina 46 

Kinoatelje, anima del cinema goriziano tra memoria e futuro

Il cinema ritrovato e quello perduto. Quello goriziano ovviamente. Tale il tema del convegno “L’altro sguardo” che si terrà domani alle 17 nelle sale dei Musei provinciali di Borgo Castello nell’ambito dell’imponente mostra multimediale “Le vite degli altri”. La mostra, che è frutto di un lungo pluriennale lavoro di ricerca in archivi fotografici e cinematografici e nella memoria personale, si articola in otto installazioni interattive, predisposta ciascuna da associazioni e gruppi di lavoro diversi. Gruppi di lavoro di volta in volta chiamati ad illustrare il loro operato. Domani pomeriggio è di turno il Kinoatelje, che dopo aver svolto per anni opera di diffusione del cinema di qualità e di ricerca storica sul cinema a Gorizia (quali le indagini su Nora Gregor, Elio Vittorini, Bruno Schulz, il cinema di confine) oggi si dedica prevalentemente alla produzione di opere rigorosamente a cavallo delle culture del territorio, e firmate dalle registe Nadja Veluscek e Anja Medved, e alla conservazione di materiali cinematografici reperiti sul territorio: in questo caso il Kinoatelje è luogo d’archivio e di restauro del Fondo Simonelli, di quello Ballaben e del multiforme patrimonio residuo dei cineamatori del Cine Club Gorizia. L’incontro di domani intende dar conto di entrambe le attività del Kinoatelje. Avrà luogo la proiezione di due film di Anja Medved, “Corsia dei ricordi” (2010, 13’) e “Sguardi attraverso la cortina di ferro (2010, 22’). Martina Humar, in qualità di curatrice delle raccolte cinematografiche, illustrerà la dotazione dei fondi Simonelli e Ballaben, custoditi dall’associazione. Martina Pizzamiglio parlerà della pubblicazione digitale da lei curata “Il Cine Club Gorizia 1953-1963” e ne presenterà significativi spezzoni. Moderatore Ales Doktoric, presidente del Kinoatelje. Al convegno seguirà una visita guidata della mostra “Le vite degli altri, voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”, curata da Alessandro Cattunar e dall’Associazione Quarantasettezeroquattro. L’ingresso a convegno e mostra è libero. La mostra resta comunque visitabile sino al 15 aprile, dalle ore 9 alle 19 dal martedì alla domenica. Sandro Scandolara

30 marzo 2012 — pagina 28

È previsto per domani il raid cittadino del Pianista Fuoriposto. Praticamente per tutta la giornata. A partire dalle 10 del mattino sul piazzale della Transalpina, a cavallo della linea confinaria. Alle 15 sul piazzale Seghizzi di Borgo Castello. Dalle 17 ai Giardini pubblici di corso Verdi. Ma chi è il Pianista Fuoriposto? Di suo si chiama Paolo Zanarella, abita a Campo San Martino, nei pressi di Padova, e si diverte a suonare ininterrottamente un piano a coda trasportato su un furgone e scaricato nei posti più impensati: posson essere un barcone sul Canal Grande a Venezia o sui residui di una frana sulle Dolomiti, sul ponte di Bassano o sul Prato della Valle di Padova, sulla piazza del Duomo di Orvieto come sulla spiaggia gelata di una Jesolo invernale. Domani avrebbe dovuto esser Trieste, piazza Grande e le Rive, ma il Comune gli ha imposto un rigido quanto incomprensibile divieto. E allora Gorizia. Ci dice il Pianista Fuoriposto: «Evito i teatri perché la gente non va più a teatro ed allora vado io dove c’è la gente, le porto la musica». Arriva con un furgone contenente un piano a coda del peso di quattro quintali. In quattro minuti riesce a scaricarlo con un carrello progettato e costruito da sé, idoneo a non scordare lo strumento. E poi si mette a suonare musica leggera di sua composizione e può andare avanti per ore, senza pause, giornate intere. O almeno sinché non arrivano i vigili che gli imputano l’occupazione di suolo pubblico. Ma il piano a coda ha le ruote, può spostarsi e l’incriminazione cade. Così come cadono le multe Siae: tutte le musiche sono composizioni personali. Le sue performances sono state documentate da un fotografo del “Progetto Itaca”, quello collegato al centocinquantenario dell’Unità d’Italia e diverranno, a giugno, oggetto di una grande mostra stradale a Bibiena, in Toscana. La presenza a Gorizia del Pianista Fuoriposto è promossa dalla neonata associazione “Porte Aperte per un Pianista Fuoriposto”. I luoghi d’esibizione non sono scelti a caso. La Transalpina rappresenta un discrimine ma anche un incontro di civiltà. Al piazzale del castello si vuole rendere omaggio alla grande mostra multimediale “Le vite degli altri”, anticipandone il convegno in programma per le 17. Ai Giardini di corso Verdi l’incontro col passeggio del sabato sera. Sempre che non arrivi un vigile pedante. Sandro Scandolara

18 marzo 2012 — pagina 64

Mostra la “Vita degli altri” ai Musei provinciali

Fra storia e memoria si sviluppa l’imponente mostra multimediale “Le vite degli altri, voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”, visitabile ai Musei provinciali di Borgo Castello sino al 15 aprile, con ingresso libero dalle 9 alle 19, lunedì escluso. Oggi alle 16 si terrà la prima visita guidata: il curatore della mostra, Alessandro Cattunar, dell’Associazione 4704, accompagnerà i visitatori tra le installazioni audiovisive e interattive che compongono l’esposizione. L’attenzione si focalizzerà da un lato sulle problematiche relative al rapporto fra storia e memoria lungo il confine – nucleo tematico della mostra – e dall’altro sull’utilizzo dei linguaggi multimediali per l’interpretazione delle fonti storiche. La visita alla mostra non è cosa facile. Vuoi per la sua ampiezza, otto spazi video, vuoi per l’interattività di cui sinora in città non c’era esperienza. La mostra è un viaggio attraverso i luoghi e le memorie che emergono dai racconti di vita dei testimoni, dai cinegiornali d’epoca, dai film di famiglia, dalle fotografie. Le strade, i palazzi, gli spazi urbani diventano oggetti di ricerca biografica. Si comincia con “Strade della memoria”, rievocate sia attraverso testimonianze che interviste al volo, per lo più incentrate, ahimé, sul distrutto monumento ai caduti del parco della Rimembranza. Largo spazio, “Libertà/controllo”, viene dedicato ad un rielaborato materiale cinematografico d’archivio, in gran parte provenienza Luce. In “Da una città che cambia”, vengono esibiti frammenti goriziani del cinema amatoriale e di famiglia. Intriganti, della regista Anja Medved, sono gli “Sguardi attraverso la cortina di ferro” che, nella sera della sparizione dei confini, raccolgono, nel dismesso gabbiotto confinario di via San Gabriele, le confessioni, trucchi annessi, di quanti per mezzo secolo hanno “bucato” il confine. L’itinerario della mostra si conclude con “Appunti per una storia della memoria”, facendo parlare testimoni d’epoca. Alcuni nel frattempo scomparsi, il che rende conto della tenacia e della lunga preparazione della mostra. Che non vorrebbe concludersi qui. C’è un appello a raccogliere e mettere a disposizione ricordi, immagini, simboli di un passato che inesorabilmente pesa sul presente. Un appello a mantenere viva la memoria storica della città. Sandro Scandolara

18 marzo 2012 — pagina 64

Le vite degli altri visita guidata. Oggi alle 16 ai Musei provinciali di Borgo Castello si terrà la prima visita guidata alla mostra multimediale “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi” a cura dell’associazione 4704.

17 marzo 2012 — pagina 34

 Le vite degli altri visita guidata. Domani alle 16 ai Musei provinciali di Borgo Castello si terrà la prima visita guidata alla mostra multimediale “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi” a cura dell’associazione 4704.

16 marzo 2012 — pagina 40

ESPOSIZIONE Le vite degli altri in borgo castello. Domenica prossima alle 16 ai Musei Provinciali di Borgo Castello di Gorizia si terrà la prima visita guidata alla mostra multimediale “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi” a cura dell’Associazione 4704. Il curatore della mostra, Alessandro Cattunar, accompagnerà i visitatori tra le installazioni audiovisive e interattive che compongono l’esposizione. L’attenzione si focalizzerà da un lato sulle problematiche relative al rapporto tra storia e memoria lungo il confine – nucleo tematico della mostra – e dall’altro sull’utilizzo dei linguaggi multimediali per l’interpretazione delle fonti storiche. Si ricorda che l’iscrizione, non obbligatoria ma consigliata, è possibile presso la Mediateca provinciale di Gorizia oppure scrivendo a segreteria@mediateca.go.it o telefonando al numero 0481.534604. Sia la visita guidata che la mostra sono gratuite.

09 marzo 2012 — pagina 40

“Le vite degli altri” ai musei provinciali. Alle 18 ai Musei Provinciali di Borgo Castello, a Gorizia, verrà inaugurata la mostra “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”

09 marzo 2012 — pagina 47   sezione: Speciali

“Le vite degli altri” multimediale Oggi, alle 18, a Musei Provinciali di Borgo Castello inaugurazione della mostra multimediale “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”

08 marzo 2012 — pagina 34

“Vite degli altri”, la storia diventa multimediale

Interrogare le fonti storiche per il tramite dell’arte e dei suoi linguaggi, in particolare usando quelli multimediali e audiovisivi. Volendolo enucleare, l’obiettivo di “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi” è proprio questo. L’esposizione ieri presentata ai Musei provinciali di Borgo Castello con introduzione dell’assessore provinciale Federico Portelli, – inaugurazione prevista per domani alle 18 negli stessi spazi – si basa su 7 installazioni principali senza tralasciare dell’altro materiale. Essa si concretizza nella raccolta, da parte di ricercatori, di alcune testimonianze di italiani e sloveni che hanno vissuto in prima persona, nel nostro territorio, il Secondo conflitto mondiale: il tutto, appunto, con i linguaggi dell’arte contemporanea. Riguardando la mostra temi storici ma pur sempre attuali, il suo curatore, Alessandro Cattunar, ha invitato ieri le scuole a prender contatto (stradedellamemoria@gmail.com) per visitare il “suo” lavoro, organizzato dall’associazione Quarantasettezeroquattro (rappresentata, all’incontro di ieri, da Raffaella Canci) assieme allo studio N!03: un lavoro, tra l’altro, dove il ruolo del visitatore è “attivo” anche, ad esempio, nel dar l’avvio a un’installazione o nel poter scrivere su foglietti delle riflessioni da affiggersi a una parete. Se il legame con le scuole, tuttavia, è di là da venire, quello con altre realtà locali è già in essere: col Dams, con l’ateneo di Trieste, col Polo liceale di Gorizia, col Kinoatelje (rappresentato da Anja Medved), con l’associazione Home Movies e con l’Irsml. Ciò mentre tutti (o quasi) gli ospiti stranieri di Film Forum, secondo un’altra proficua collaborazione, a visitare la mostra verranno gentilmente invitati. Alex Pessotto

07 marzo 2012 — pagina 21

 Alle 11, ai Musei di Borgo Castello si presenta la mostra “Le vite degli altri – Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”

07 marzo 2012 — pagina 42

Mostra ai Musei provinciali. Venerdì alle 18 ai Musei Provinciali di Borgo Castello, a Gorizia, verrà inaugurata la mostra “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”. La mostra è strettamente collegata al FilmForum Festival in programma tra Udine e Gorizia tra il 20 e il 29 marzo

07 marzo 2012 — pagina 42

Da venerdì in mostra “Le vite degli altri”

Verrà inaugurata venerdì 9 marzo, alle 18, ai Musei provinciali di Borgo Castello, a Gorizia, la mostra “Le vite degli altri. Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”, a cura di Alessandro Cattunar, realizzata dall’associazione Quarantasettezeroquattro e dallo Studio Ennezerotre, con il contributo della Provincia e della Fondazione Carigo. L’iniziativa, che riecheggia il titolo della nota pellicola del 2006 scritta e diretta da Florian Henckel von Donnersmarck, sarà visitabile fino al 15 aprile da martedì a domenica, con ingresso gratuito. La mostra è strettamente collegata al FilmForum Festival 2012 e in particolare alla sezione di Gorizia che, dal 23 al 29 marzo, proporrà quotidianamente incontri, stage, workshop e proiezioni. Si tratta di una mostra multimediale e innovativa, in cui la storia del Novecento e le molteplici memorie dell’area di confine riemergono, dialogano e si confrontano. Un viaggio attraverso i luoghi della memoria e delle memorie dei luoghi che emergono dai racconti di vita dei testimoni, dai film di famiglia, dalle fotografie. L’obiettivo è quello di fornire nuovi strumenti per far dialogare i goriziani di oggi con quelli di ieri, attraverso un confronto con la città e i suoi spazi, alla riscoperta delle memorie plurime che questi conservano, a volte celandole, a volte esplicitandole. Tema portante della XIX edizione di Filmforum Festival, promossa dall’Università di Udine sarà “Il cinema si impara? Sapere, formazione, professioni”.

06 marzo 2012 — pagina 21

 Domani alle 11, ai Musei di Borgo Castello si presenta la mostra “Le vite degli altri – Voci e sguardi tra luoghi della memoria e memorie dei luoghi”.

.

PRIMORSKI DNEVNIK

 

09 marzo 2012

Gorica – odprtje multimedijske razstave v grajskem naselju 

Življenje drugih

Na grajskem sedežu Pokrajinskih mu- zejev v Gorici bodo danes ob 18. uri odpr- li multimedijsko razstavo »Življenje drugih – Glasovi in pogledi krajev spomina in spo- minov na kraje«. Da bi gledalec ne bil pasi- ven, bo zgodovinska snov iz naše bližnje pre- teklosti, zaznamovane z mejo, prikazana z avdiovizualnimi in interaktivnimi instalaci- jami, te pa slonijo na virih, ki jih običajno uporabljajo zgodovinarji pri raziskovalnem delu. Ustna pričevanja, družinski filmi in fo- tografije bodo tokrat postali izraz sodobne umetnosti, ki bo tudi zaradi uporabe teh- noloških pripomočkov posebej nagovarjal mladega gledalca. Besede pričevalcev, foto- grafije in filmski posnetki se prepletajo in odražajo zapletenost odnosov obmejnega področja, ki ga pogojujejo različne izkušnje, zaznavanja in želje tukajšnjih prebivalcev.

Razstavo je uredil Alessandro Cat- tunar iz goriškega združenja Quaranta- settezeroquattro, ki je k sodelovanju med drugim povabilo goriški Kinoatelje. Do- kumentarna produkcija slovenskega zdru- ženja je temi iz naslova zapisana na kožo. V eni izmed štirih razstavnih soban bo Ki- noatelje prikazal svoje »Poglede skozi že- lezno zaveso«, dokumentarni film Anje Medved, ki je nastal na osnovi gradiva, zbranega med prvo spominodajalsko ak- cijo »Spovednica tihotapcev« (2007); tej sta sledili še dve, in sicer »Ordinacija spomina« leta 2007 ter »Album mesta« leta 2011. Ostale instalacije so pripravili združenje Quarantasettezeroquattro, goriški Dams Videmske univerze, pokrajinsko mediate- ko, višješolski inštitut Dante Alighieri iz Gorice, N!03 studioennezerotre in zdru- ženje Home Movies. Pokroviteljica raz- stave, ki bo s prostim vstopom na ogled do 15. aprila, je goriška pokrajina.»Nemogoče bo poenotiti različne spomine goriškega prostora. Evidentirati moramo razlike, zato da bosta omogoče- na dialog in soočanje. Brez spopada. Tudi različni spomini so napše bogastvo,« trdi raziskovalec mlajše generacije, Alessandro Cattunar.